SCUOLA DELL'INFANZIA DI SOVERE

Via degli Alpini 6, Località Canneto - Tel.  035/982515

Coordinatrici della scuola: Bozzetti Luciana, Salvoldi Silvana 

Codice meccanografico: BGAA87801E

 

 

 

IL MODELLO EDUCATIVO

 

 

La nostra scuola dell'infanzia adotta il modello di Scuola Senza Zaino, che mette al centro i valori di ospitalità, comunità e responsabilità. Lo sfondo pedagogico è improntato sul curricolo globale per lo sviluppo integrale della persona, attraverso tutte le dimensioni proprie dell’individuo (cognitiva, corporea, relazionale, affettiva, emotiva). 

I bambini hanno il diritto a vivere ogni giorno esperienze significative per imparare assieme divertendosi e sperimentando: dalla manualità al primo approccio alle nuove tecnologie e alla robotica; dalla parola, il racconto e l'ascolto alle prime esperienze con le lingue straniere; dalla conoscenza di sé alla dimensione di comunità e condivisione per stare bene con gli altri.

L’organizzazione delle attività e dei momenti della giornata educativa è serena e rispettosa delle modalità e dei ritmi dei bambini, per metterli in condizione di potersi esprimere con naturalezza, ma anche per garantire la qualità delle relazioni, con particolare riferimento all’accoglienza, alla relazione di cura, alla vicinanza fisica e al contatto, allo scambio e condivisione di esperienze, al bisogno di esplorare e di muoversi. 

Le attività educative sono strutturate e libere, differenziate, progressive e mediate, per consentire la libera manifestazione del gioco del bambino, l’osservazione e l’esplorazione dell’ambiente naturale all’esterno (negli spazi all'aperto attrezzati, nel piccolo orto a scuola, nel territorio). Il pasto e la merenda sono consumati direttamente in ciascuna sezione, in un momento importante di vita in comunità e routine educativa.

 

 

La scuola dell'infanzia è parte integrante di un percorso educativo unitario che accompagna gli alunni per tutto il primo ciclo, e si articola nei "campi di esperienza": Il sé e l'altro; il corpo in movimento; i linguaggi, la creatività, l'espressione; i discorsi e le parole; la conoscenza del mondo. Ciascun campo mette al centro dell’apprendimento l’operare del bambino, la sua corporeità, le sue azioni e i suoi linguaggi, per creare - grazie all'azione dell'insegnante - contesti culturali, pratici e di relazione attraverso cui il bambino può dare significato alle sue attività, promuovendone le competenze cognitive, emotive, sociali, l'autonomia e la maturazione dell'identità. 

Le attività proposte coinvolgono ciascun bambino in modo attivo, costante e globale, attraverso:

  • la valorizzazione del gioco, che costituisce una risorsa privilegiata di apprendimento e di relazione
  • l'esplorazione e la ricerca di esperienze che stimolano la curiosità del bambino confrontando situazioni, ponendo problemi, costruendo ipotesi, etc.
  • la vita di relazione che favorisce gli scambi e rende possibile l'interazione, la risoluzione dei problemi, il gioco simbolico in un  clima sociale positivo e caratterizzato dalla qualità delle relazioni
  • una mediazione didattica che si avvale di tutte le strategie e le strumentazioni che consentono di orientare, sostenere e guidare lo sviluppo e l'apprendimento del bambino
  • l'osservazione e la progettazione per valutare le esigenze del bambino e proporre una progettazione mirata e conforme ai suoi modi di essere, i suoi ritmi di sviluppo e di apprendimento
  • la verifica e la documentazione per valutare la validità e l'adeguatezza del processo educativo, permettendo di rievocare, riesaminare, analizzare, ricostruire e socializzare le esperienze.

La dimensione fondamentale è quella della comunità: vivere le prime esperienze di cittadinanza significa scoprire l’altro da sé e attribuire progressiva importanza agli altri e ai loro bisogni; rendersi sempre meglio conto della necessità di stabilire regole condivise; implica il primo esercizio del dialogo che è fondato sulla reciprocità dell’ascolto, l’attenzione al punto di vista dell’altro e alle diversità di genere, il primo riconoscimento di diritti e doveri uguali per tutti; significa porre le fondamenta di un comportamento rispettoso degli altri, dell’ambiente e della natura.

La scuola si pone quindi come spazio di incontro e di dialogo, di approfondimento culturale e di reciproca formazione tra genitori e insegnanti per proporre ai bambini un modello di ascolto e di rispetto, che li aiuti a trovare risposte alle loro domande di senso in coerenza con le scelte della propria famiglia. 

 

 

LA GIORNATA SCOLASTICA

 

 

Il tempo scuola è organizzato su 5 giorni settimanale, da lunedì a venerdì, dalle 7,45 alle 16,30. 

E' possibile richiedere l'ingresso anticipato alle 7,30 per motivate esigenze lavorative o familiari. Il servizio è gratuito e deve essere richiesto con l'apposito modulo online disponibile sul sito.

 

UNA GIORNATA TIPO 

ORARI

TEMPI

ATTIVITA'

BISOGNI DEI BAMBINI

7.30-7.45

Ingresso anticipato

Entrata bambini

Servizio gratuito su richiesta motivata delle famiglie

7.45-9.15

Accoglienza

Entrata bambini

Socializzazione

9.15-10.00

Tempo di routine

Conversazioni, appello, calendario.

Conoscenza, socializzazione

10.00-10.30

Tempo di routine

Attività ricreativa, uso dei servizi igienici, canti,

Autonomia, socializzazione

10.30-11.45

Tempo didattico

 Lunedì, Martedì, Mercoledì Giovedì e Venerdì

attività in sezione

Conoscenza, esplorazione, sviluppo delle competenze

11.45-12.00

Tempo di routine

Cure igieniche

Autonomia, cura di sé

12.00-13.00

Tempo di routine

Pranzo

Autonomia, conoscenza

13.00-13.30

Transizione

Uscita dei bambini che frequentano il solo turno antimeridiano

Socializzazione

12.45-13.30

Tempo ricreativo

Attività ricreativa libera in salone e/o in sezioni aperte

Movimento, conoscenza

13.30-15.40

 

Tempo didattico (in sez. bambini di 4 e 5 anni)

 Venerdì:

Religione / alternativa

Lunedì, Martedì, Mercoledì:

progetto di apprendimento comune

 

Conoscenza, esplorazione

13.30-15.30

Tempo di routine (bambini di 3 anni)

Sonno

Socializzazione, rilassamento

15.30-16.10

Tempo di routine

Riordino, merenda, preparazione per l'uscita

Autonomia, cura di sé

15,55-16,00

16,10-16.30

Tempo di transizione

Uscita bambini del pulmino

Uscita con i genitori

 Socializzazione

16,30-18,00

Post scuola (servizio attivato al raggiungimento del numero bambini richiesto)

Attività ludiche e ricreative

Servizio a pagamento con educatori professionali

 

 

 

IL PROGETTO FORMATIVO

 

 

Il progetto formativo della scuola si inserisce in una cornice pedagogica comune e in un percorso coerente che accompagna la crescita degli alunni fino al termine della scuola secondaria di primo grado (curricolo verticale). Tra i progetti si segnalano:  

 

 

  • La conversazione con madrelingua inglese (dal secondo anno della scuola dell’infanzia), che stimola gli alunni all’apprendimento e all’utilizzo dell’inglese come lingua di uso quotidiano, di conversazione e di gioco.
  • Lo sportello di consulenza psico-pedagogica: fornisce un supporto qualificato e specialistico alle famiglie e ai docenti per le diverse problematiche della crescita, con un occhio attento all'intervento precoce in caso di difficoltà e disturbi di apprendimento e del comportamento.
  • L’orto delle meraviglie e l'orto didattico inclusivo: il piccolo orto dell'infanzia e il grande orto didattico della scuola sono al centro di molteplici attività per coltivare le relazioni imparando a conoscere i ritmi della natura e della vegetazione a diretto contatto con la terra, all’interno di un laboratorio “scientifico” naturale e unico.
  • Lo sport e movimento a scuola: dalla psicomotricità al gioco di gruppo, fino alla sperimentazione dello sport come attività di relazione e di benessere. Nel corso degli anni i nostri studenti hanno la possibilità di avvicinarsi alle diverse discipline sportive, che vengono poi progressivamente integrate dai laboratori, dalle giornate dello sport, dalla corsa campestre di istituto, dal gruppo di atletica pomeridiano e dalla partecipazione ai meeting di atletica.
  • Il coding e alla robotica educativa: il primo avvicinamento alla cittadinanza e all'educazione digitale, attraverso il gioco, l'educazione alle emozioni e alla relazione, lo storytelling e il racconto, la possibilità di inventare, creare e costruire.
  • La musica come espressione del gioco, della creatività e della relazione, ma anche come potenziamento della psicomotricità e dei prerequisiti per la letto-scrittura e i fatti numerici.
  • I progetti educativi: insieme è bello, il progetto lettura “libri a merenda” e i racconti interculturali, l'accoglienza, l'educazione alla salute, alla cittadinanza e alla sicurezza.
  • Arte, musica e spettacolo: le mattinate teatrali, le recite e spettacoli, canti e balli, progetti di avvio alla musica e alla corporeità.
  • Territorio e ambiente: le uscite sul territorio e i progetti di scoperta e conoscenza dell’ambiente che ci circonda.
  • Il progetto alunni non madrelingua: dalla prima alfabetizzazione al potenziamento linguistico, fornice un supporto progettuale e fattivo alle attività didattiche per l’avvicinamento e l'approfondimento dell’italiano come lingua di comunicazione e studio.
  • Continuità e orientamento: le attività per favorire la continuità tra l'asilo nido e la scuola dell’infanzia e per il passaggio alla primaria, per affrontare con serenità i diversi passaggi del percorso scolastico.

 

 

 

GLI AMBIENTI

 

 

La scuola dell'Infanzia è un edificio di nuova concezione: tutti gli ambienti si aprono all'interno sul grande salone con diverse strutture per il gioco e, verso l'esterno, sull'ampio giardino attrezzato per le attività motorie e all'aperto. 

Sono presenti quattro "sezioni", che ospitano i gruppi misti per età (piccoli, mezzani e grandi) e sono organizzate per angoli laboratorio (il disegno e le attività creative e di manipolazione, gli ambienti gioco che riproduco gli ambienti di casa, lo spazio per la lettura, l'ascolto e il relax). Ci sono poi due dormitori per i piccoli e un'aula polivalente per le attività in piccolo gruppo. attrezzata con Lavagna Multimediale e connessione internet protetta per le attività di avviamento all’educazione digitale, di coding e robotica educativa.

 

 

I SERVIZI

 

 

Trasporto scolastico: è un servizio a pagamento ed è gestito dal comune di Sovere (a cui rivolgersi per tutte le info e i costi)

Mensa: è un servizio a pagamento, gestito dal comune di Sovere. La preparazione dei pasti per i bambini, compresa la merenda, avviene nella cucina interna della scuola

E' possibile richiedere l'ingresso anticipato alle 7,30 per motivate esigenze lavorative o familiari. Il servizio è gratuito e deve essere richiesto con l'apposito modulo online disponibile sul sito.

Post scuola: dalle 16,30 alle 17,30/18,00, servizio a pagamento con educatori professionali, avviato solo al raggiungimento del numero minimo (10 bambini)

Questo sito utilizza cookie tecnici, proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo di tali cookie.

Dettaglicookies