I linguaggi non verbali, e in particolare la musica, costituiscono un’area fondamentale per lo sviluppo della persona e dovrebbero trovare una nuova centralità nella didattica, strutturandosi in un curricolo verticale che segua il percorso di crescita di ogni alunno.

Già a partire dalla scuola dell’infanzia la musica rappresenta un veicolo di competenze, conoscenze, abilità sociali e inclusione, con un potenziale che si realizza pienamente attraverso la collaborazione con le altre discipline. Particolarmente efficace è la pedagogia che deriva dai principi della metodologia Orff-Schulwerk, basata sulla relazione tra musica, ritmo e movimento. È un approccio nel quale il bambino si avvicina alla musica per scoperta e sperimentazione, attraverso esperienze guidate in cui si utilizzano strumenti a percussione ritmici (tamburelli, legnetti, triangoli, etc.) e melodici (metallofoni e xilofoni), la body percussion e il gesto-suono, ma anche le filastrocche e le “conte” di tradizione popolare. In questo modo il bambino diventa effettivo protagonista dell'azione formativa, immergendosi in esperienze musicali che sollecitano la creatività e l’immaginazione, l’attenzione, l’autonomia, il senso critico e le principali abilità sociali nel lavoro di gruppo (collaborazione e cooperazione). Allo stesso tempo potenzia però i prerequisiti fondamentali legati alla letto-scrittura, alla metafonologia e alla sfera logico-matematica, sviluppando il riconoscimento fono-sillabico e della quantità, il senso motorio della pulsazione e del ritmo, la coordinazione e la lateralizzazione generale e specifica.

A partire dalla terza classe della scuola primaria prende il via anche la musica di insieme, con il progetto Piccoli sBANDati: una piccola “orchestra” per chi si avvia a suonare uno strumento o semplicemente è attratto da un’esperienza in cui la musica è un veicolo giocoso di conoscenza, cultura, bellezza, accoglienza e autostima. La capacità “inclusiva” di un simile progetto è straordinaria e porta a risultati importanti sia con la disabilità che con bambini fragili, anche caratterizzati da disturbi comportamentali di difficile gestione.

La musica di insieme per i più piccoli è un il “seme” per uno sviluppo successivo: dalla scuola secondaria di primo grado è possibile infatti partecipare all'orchestra Bequadro, un progetto che permette esperienze significative di musica d'insieme aperte a tutti, senza preclusioni, puntando sulla relazione e valorizzando ciascuno secondo le proprie competenze e capacità. Questo tipo di esperienza diventa un percorso di crescita e formazione che stimola i ragazzi a confrontarsi con la dimensione della performance (in contesti locali ma anche in manifestazioni e rassegne più ampie) e di collaborazioni con artisti, musicisti, ensemble, cori e insiemi vocali anche legati all’inclusione e al terzo settore. La nostra orchestra è inoltre affiancata dal gruppo teatrale pomeridiano: insieme realizzano spettacoli che uniscono la musica suonata alla parola recitata, per andare in scena nei diversi festival dedicati al teatro scolastico.

 

LINK PER ACCEDERE AL MODULO ONLINE DI ISCRIZIONE ALL'ORCHESTRA

 

UTILIZZO DELL'AULA DI MUSICA COME SALA PROVA MUSICALE PER BAND

CLICCA QUI PER ACCEDERE AL MODULO DI RICHIESTA DI UTILIZZO 

La scuola permette l'utilizzo dell'aula di musica per band e gruppi formati da alunni, ex alunni o esterni secondo le modalità previste dal regolamento approvato dal Consiglio di Istituto (prima di accedere al modulo per la richiesta leggere attentamente il regolamento nella sezione allegati a fondo pagina)

ORCHESTRA BEQUADRO

Nella notazione musicale, il bequadro è il simbolo che indica l'annullamento dell'effetto di un'alterazione (diesis o bemolle). Per questo motivo "Bequadro" dà il nome ad uno dei progetti più importanti dell'istituto: l'orchestra musicale della scuola secondaria diretta dal Maestro prof. Oscar Gelmi. Il progetto è nato quasi per gioco nel 2013, come intervento su di una singola classe per favorire l'inclusione di un alunno del tutto speciale per la nostra scuola: Tony. Grazie al suo amore e alla passione per la musica, Tony è diventato ben presto il fulcro e il motore dell'orchestra richiamando a farne parte i compagni; alunni di altre classi; diversi insegnanti della scuola con l'hobby della musica; veri e propri musicisti (professori della scuola) diplomati in conservatorio; fino ad estendersi agli studenti dei corsi di musica svolti nelle attività di sostegno.

La finalità del progetto, che nel corso del tempo è divenuto stabile, non è quella di formare un'orchestra selezionata secondo canoni "accademici" ma, al contrario, quella di permettere esperienze significative di musica d'insieme aperte a tutti, senza preclusioni, e che puntino sulla relazione e sulla voglia di stare insieme. I ragazzi sono infatti stimolati ad esprimersi con libertà attraverso gli arrangiamenti originali scritti dal Maestro Oscar Gelmi, che valorizzano e rendono protagonisti ciascuno secondo le proprie competenze e capacità. Negli ultimi anni l'orchestra è stata protagonista di un percorso molto importante, che l'ha vista suonare in grandi manifestazioni, come i concerti di Niccolò Fabi, Cristina Dona' e Irene Grandi o la Festa della Musica di Brescia; collaborare al fianco del coro Spazio Autismo di Bergamo e con artisti come Alessandro Ducoli; mettere in scena concerti e spettacoli con musiche originali in contesti diversi e in piccoli festival (festival della canzone Resistente, HospitalArte); vivere esperienze straordinarie come la piccola tourneé in Ucraina per esibirsi al Festival Internazionale degli Orfanotrofi di Uzhgorod.  

Le attività dell'orchestra di svolgono principalmente di pomeriggio, secondo un calendario comunicato ad inizio anno.

 

 

 

PICCOLI SBANDATI:  PROGETTO  MUSICA D’INSIEME ALLA SCUOLA PRIMARIA

PERCHE’: Non me ne voglia Linda, pianista di talento se cito una sua frase di tanti anni fa. Eravamo appollaiate sull’organo del Santuario della Madonna della Torre a Sovere, quando al termine della prova diSsse “Se potessi tornare indietro suonerei il fagotto…”. “Il fagotto!?! E perché mai ?” Replicai pensando che la stanchezza per gli studi avesse avuto la meglio. “Perché cosi non avrei sempre suonato da sola!”.

Ecco il senso del progetto “Piccoli sBANDati” : FARE  MUSICA  INSIEME!

PER CHI E’:  Questo progetto è rivolto ai bimbi di 3^,4^ e 5^ della scuola primaria: saremo PICCOLI.

Piccoli che già suonano uno strumento (basta saper fare una nota sola) oppure che durante l’anno vorranno provare un percorso musicale più approfondito anche con strumenti non proprio “ortodossi”: saremo una BAND.

Ma la nostra Band rappresenterà il cuore della cultura musicale popolare la BANDA.

COSA E’: Piccoli  sBANDati  vuol essere un PERCORSO di musica d’insieme, dove la musica è veicolo gioioso e giocoso di conoscenza, cultura, bellezza, accoglienza e autostima.

COME SI SVOLGE:  Una volta raccolte le adesioni predisporrò un calendario di prove si terranno al mattino, in orario scolastico (concordato con le insegnanti) presso la scuola primaria di Sovere. Dedicherò alcune ore anche  ai Plessi di Bossico (che già hanno un’attività di questo tipo presso la scuola di musica del paese) e Pianico.

Nella seconda parte dell’anno, per riunire tutti i ragazzi, metterò alcune prove al pomeriggio a Sovere (modalità pranzo al sacco insieme a scuola, relax e poi di seguito un’oretta di musica)

 

 

CLICCA QUI PER LA GALLERY COMPLETA DELL'ORCHESTRA E DEI PROGETTI MUSICALI

 

L'ATTIVITA' CONCERTISTICA: DIARIO DI UN'AVVENTURA

A.S. 2018/2019

Oratorio San Giovanni Bosco, Solto Collina (Bergamo), 4 giugno 2019 

Ultima stagionale per il Peer Gynt, che chiude un anno reso indimenticabile da un fantastico gruppo di attori e musicisti, guidati dai proff. Enza Alba Bonavita e Oscar Gelmi e dal regista Michele Marinini.

 

Centrentesimo anniversario della banda di Leffe,  piazzetta Servalli, Leffe (Bergamo), 1 giugno 2019 

Il Peer Gynt" in scena all'aperto, nella suggestiva piazzetta Servallidi Leffe, per i festeggiamenti del 130esimo anniversario del Corpo Bandistico di Leffe (BG) .

 

Rassegna teatrale "Un palcoscenico per ragazzi" , Cineteatro San Luigi, Bellusco (Monza Brianza), 20 maggio 2019 

Dopo i successi ottenuti sui palchi di casa, "La fantasmagorica avventura di Peer Gynt" va in tour a Bellusco (MB) ospite della XXXII Rassegna Teatrale "Un palcoscenico per ragazzi".

 

Non siamo indifferenti!, Oratorio Don Bosco, Sovere (Bergamo), 18 maggio 2019 

Freschi del primo premio a Breno, i ragazzi portano in scena il Peer Gynt a Sovere, davanti ad una sala gremita, per la manifestazione "Non siamo indifferenti" , raccogliendo applausi a scena aperta e complimenti che rimarranno nel cuore a lungo!

 

Festival del Teatro Sociale, Cinema Teatro Giardino, Breno (Brescia), 10 maggio 2019 

Venerdì 10 maggio la "La fantasmagorica avventura di Peer Gynt" va in scena al Cinema teatro Giardino di Breno (BS) per il Festival del Teatro Sociale organizzato dal Liceo Golgi.

Lo spettacolo vince il primo premio della sua categoria!

 

Settimana della Cultura Classica, Teatro cinema CrystalLovere (Bergamo), 30 marzo 2019